Serie A: il campionato meno prolifico d’Europa

 
Roberto Bosio
4 dicembre 2010
Commenta

Foto: AP/LaPresse

Che la Serie A stia perdendo colpi ce lo dicono tante cose. Due miliardi di euro di debiti – comunque è inferiore ai valori registrati nella Liga e nella Premier League -, i campioni che fanno sognare i tifosi da qualche tempo se possono scegliere decidono di andare a giocare in Spagna o in Inghilterra, e il prossimo anno rischiamo di schierare solo 3 squadre in Champions League e altre tre in Europa League.

Ora arriva anche un confronto impietoso tra il numero di reti segnate nel nostro campionato e quelle realizzate dai principali campionati europei: ci superano non solo le corazzate Premier League – 413 gol segnati in 15 giornate giocate, con una media di 2,75 gol a partita – e Liga – 351 gol in 13 giornate, con una media gol per match di 2,72.

Fanno meglio di noi anche la Bundesliga – 405 gol in 14 giornate, 3,21 gol a partita – e persino il campionato turco, la Süper Lig, fa meglio della serie A: 332 gol in 14 giornate, 2,63 gol a partita.

Nella serie A sono state segnate 313 gol in 14 giornate di campionato, equivalenti ad una media di 2,25 gol a partita. La squadra più prolifica della Serie A, la Juventus, ha segnato 26 reti, nove in meno del Manchester United e del Borussia Dortmund – migliore attacco e capoliste del campionato inglese e tedesco – e ben 12 in meno del Barcellona.

Difficile non essere d’accordo con l’ex-tecnico del Milan e della nazionale Arrigo Sacchi:

Noi ci siamo sempre salvati, parlo ovviamente in generale, più per i risultati ottenuti che per il modo di giocare. Quando non abbiamo nemmeno i risultati ci rimane poco o nulla.

E allora, cosa si può fare? Bisognerebbe seguire il modello tedesco, oltre ad imporre un maggior controllo sui conti, per non vivere al di là dei propri mezzi – e mi sembra che qualche cambiamento in questo senso stia arrivando -,

Serve una nuova politica per i vivai. Dobbiamo promuovere una nuova mentalità, a partire proprio dai giovani.

Ancora una volta è difficile non condividere le parole di Arrigo Sacchi.

Articoli Correlati
Serie B, dal 2015 due squadre in meno

Serie B, dal 2015 due squadre in meno

La rivoluzione che tanti club chiedevano finalmente sarà attuata. La Serie B italiana a 22 squadre è troppo lunga, 42 partite a stagione sono esagerate, e così Andrea Abodi ha […]

Serie A: le pagelle del campionato 2010/2011

Serie A: le pagelle del campionato 2010/2011

Con la finale di coppa Italia di ieri si chiude un’altra annata per il campionato italiano. Un campionato che finalmente non ha visto un’unica dominatrice incontrastata, ma che ha riservato […]

Iffhs: Liga miglior campionato al mondo, Serie A solo terza

Iffhs: Liga miglior campionato al mondo, Serie A solo terza

Sarebbe bastato guardare il ranking Uefa per capire che il titolo di miglior campionato al mondo era conteso tra Spagna ed Inghilterra, ma ora l’Iffhs, l’Istituto di Storia e Statistica […]

Romario torna a giocare e vince il campionato di serie B brasiliano

Romario torna a giocare e vince il campionato di serie B brasiliano

Un anno e mezzo fa si era ritirato dal calcio giocato. Ieri Romario de Souza Farìa, meglio conosciuto solo come Romario, è tornato in campo per 25 minuti, giusto in […]

Serie B: Chievo a meno uno, il Lecce crolla nel derby

Serie B: Chievo a meno uno, il Lecce crolla nel derby

A Verona è già pronto lo spumante. Manca solo un punto e sarà serie A matematica. Il treno delle prime 6 squadre non poteva andare sempre a mille all’ora, e […]

Lista Commenti
Aggiungi il tuo commento

Fai Login oppure Iscriviti: è gratis e bastano pochi secondi.

Nome*
E-mail**
Sito Web
* richiesto
** richiesta, ma non sarà pubblicata
Commento