Materazzi: “Rivoglio lo scudetto del 5 maggio”

di Roberto Bosio 2

Foto AP/LaPresse

Materazzi non si tira mai indietro. Per questo gli interisti lo amano e gli altri tifosi lo odiano – specie quelli di fede bianconera. Prendiamo l’esposto della Juve sul cosiddetto scudetto di cartone dato all’Inter. Un altro giocatore se la sarebbe cavata con una battuta o dicendo che ognuno a casa sua può fare quel che vuole.

Lui no. Durante una sua ospitata al Chiambretti Night arriva anzi a rincarare la dose

La Juve rivuole gli scudetti? Non devono chiederlo a noi. Io mi riprenderei quello perso il 5 maggio 2002.

Perché è vero che l’Inter perse meritatamente contro la Lazio quel giorno ma nelle

quattro o cinque partite precedenti alla sfida contro la Lazio c’è stato qualcosa di poco chiaro.


Il difensore dell’Inter ha parlato anche di Josè Mourinho:

Mi sentivo già un paio di mesi prima della partita di Madrid che sarebbe andato via. Gli dicevo spesso di rimanere e però vedevo che aveva scelto di affrontare una nuova sfida dopo aver vinto tutto.

Materazzi non è solo il giocatore più odiato dai tifosi d’Italia. Ci sono anche tanti giocatori che non lo possono soffrire. Uno di questi è Costacurta:

Una volta mi disse che avrebbe messo una taglia su di me quando durante una partita a Perugia feci male a Maldini e Dugarry. Ho provato anche a confrontarmi con lui, ma nonostante vivessimo entrambi a Milano non c’è mai stata l’occasione. Mi ha sempre ribadito il discorso della taglia. Eppure anche Costacurta ha fatto molti falli. Io non sono un santo, ma neppure un finto prete. Volevamo vincere entrambi.

La puntata del Chiambretti Night è stata l’occasione per raccontare tanti aneddoti, come uno che riguarda Balotelli:

Una volta, con il suo atteggiamento indisponente in campo, aveva fatto arrabbiare Ibra che voleva menarlo nello spogliatoio. Balotelli riuscì a salvarsi solo chiudendosi in bagno e perchè insieme ad alcuni compagni riuscimmo a frenare l’ira di Zlatan.

L’unico argomento su cui Matrix si è censurato è Benitez

Non voglio parlare di lui.

Poco dopo però si smentisce

E’ acqua passata, ora c’è un altro allenatore. Non ho il dente avvelenato con lui, anche con Mourinho giocavo poco. Dico solo che in un gruppo solido bisogna dare più attenzione a chi non gioca rispetto agli undici che scendono in campo.

Commenti (2)

  1. Un uomo che non perde occasione per manifestare la sua infinita stupidità……..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>